Leonardo Sciascia, <i>Gli zii di Sicilia</i>, in <i>Opere 1956-1971</i>, Bompiani 2004/7


“Oh Dio, anche di Benedetto Croce dobbiamo parlare? Io me ne fotto di lui e dei libri che ha scritto. E anche di Dante Alighieri. E di tutta questa Italia. Mi metto in un angolo e ci muoio, fate conto che sia diventato sordomuto” (200-201).