Cari amici,

oggi, in questa sala, culmina un lungo processo democratico
durato mesi per scegliere il candidato a sindaco di Mascalucia del MoVimento 5
stelle.

Siamo l’unica forza politica che ancora pratica la
democrazia come partecipazione.

Quante riunioni, quanti incontri, quante riflessioni, quante
discussioni, quanti confronti, anche scontri, a volte aspri, ma sempre leali.

Vi guardo e sono commosso: vedo l’artigiana e la dipendente
pubblica, vedo il geometra e l’ingegnere, vedo la pensionata e il barista, il
poliziotto e l’operaio, l’educatrice e l’imprenditore, il militare, il libraio,
il fisioterapista, lo studente, il cuoco.

Non vedo tra noi politicanti, affaristi, portaborse, manovali del voto di
scambio.
Siamo tutti persone oneste, che hanno lavorato e lavorano duramente giorno per
giorno.

E tutti noi abbiamo messo a disposizione un po’ del nostro
tempo, a volte molto del nostro tempo, ciascuno secondo le proprie possibilità,
senza volere nulla in cambio, autofinanziandoci, sostenendoci vicendevolmente.

Per che cosa? Per un progetto politico di cambiamento, per
una speranza, una speranza che oggi può essere concreta! Cambiare in meglio la
vita dei nostri cari e dei nostri vicini, far fiorire il nostro territorio.

Sappiamo che i politicanti che da decenni ci hanno amministrato hanno fatto
vivere questa terra molto al di sotto delle sue vere potenzialità. E il motivo
principale oltre alla corruzione, all’affarismo, all’egoismo miope, è che
letteralmente non hanno idee e non hanno idea di che cosa significhi
amministrare una città oggi in Europa.

Noi abbiamo tantissime idee, innovative e praticabili, abbiamo un programma
riccho e realistico, abbiamo progetti mirati per ogni ambito
dell’amministrazione: dallo sviluppo economico, alla corretta gestione dei
rifiuti come risorse, dai servizi sociali alla disabilità, dalla mobilità alla
cultura, dai giovani all’ambiente, all’energia, alla legalità, alla connettività,
alla sostenibilità.

Oggi è un momento storico per Mascalucia e per il M5s di Mascalucia, perché
sappiamo che finalmente, dopo un lungo percorso, queste idee, questo programma,
questi progetti possono arrivare veramente dentro quel municipio ed essere
attuati da persone di altissima professionalità e di specchiata onestà.

Noi sappiamo di essere la prima forza politica nel territorio. Nelle ultime
regionali siamo arrivati primi in tutti i seggi. In tutti i seggi!

Si tratta di questo: far comprendere agli elettori del nostro territorio, che
sono maggioranza, che devono mobilitarsi anche questa volta, perché ci sono i
valori, ci sono le idee, ci sono i progetti e ci sono anche le persone giuste
per attuarli.

Io sono e sarò solo un mezzo nelle vostre mani, nelle mani del MoVimento.

Io lavoro da dodici anni, non da un giorno, da dodici anni,
per il futuro di Mascalucia, nell’Istituto di Istruzione Superiore “Concetto
Marchesi”, che è, passatemi l’espressione, la prima azienda di questo
territorio. Lavoro con i giovani che, non è retorica, ma sono davvero l’unica
nostra speranza. Lavoro con le loro
famiglie, con le associazioni e con le imprese del territorio. E conosco
benissimo quanta gente onesta e laboriosa desidera un cambiamento vero per sé e
per i propri figli. Li conosco uno per uno. Non aspettano altro che essere
mobilitati, di vedere che possono mettere da parte la sfiducia e la
rassegnazione.

Se sarò il capolista, mi batterò con tutte le mie forze,
insieme a tutti voi, per portarli a
votarci uno per uno. Penso di avere buone chances di riuscirci. E questo determinerà
anche un’ulteriore crescita di tutti
noi, come MoVimento, come radicamento del Meetup nella parte più sana, che è
maggioritaria, di questo territorio.

Voi oggi avete una grande responsabilità, che è quella di continuare a
ragionare in termini di politica, di politica nel senso più elevato del
termine. Politica significa far il bene del maggior numero possibile di
persone, non di pochi o di se stessi.

Vedete, io sono un povero insegnante ed educatore. Ma
l’insegnante è uno che lascia il segno e la parola “educatore” significa
letteralmente “colui che tira fuori il meglio”.

Io sono qui solo per una ragione, che noi tutti si possa lasciare il segno in
questo paese, e che si possa tirare fuori il meglio da ciascuno di noi,
innanzitutto, e poi da tutta la gente di Mascalucia.

Se mi darete fiducia e sostegno, ampio e convinto, vi
garantisco la continuità di un percorso che ha visto in questi anni Agata Montesanto
leader tenace, indiscussa e passionale: è stata lei la prima a comprendere l’esigenza
di aprire e potenziare il gruppo perché
tutto il gruppo possa elevarsi e arrivare ad incidere fino in fondo e
trasformare Mascalucia andando al governo della città dopo anni e anni di dure
battaglie di opposizione.

Insieme, ripeto insieme, continuando a confrontarci lealmente, costruiremo la
squadra migliore possibile. E non ci sarà partita per nessuno. La mia modesta,
ma duratura e significativa, esperienza di allenatore di squadre giovanili mi
ha insegnato che per vincere ci vogliono i leader, ci vogliono i campioni, ma
ci vuole soprattutto il gruppo coeso. Ognuno di noi sarà indispensabile nel
ruolo in cui può dare il meglio. Insieme, uniti, sono convinto che daremo
grandi soddisfazioni a questo paese. Viva il nostro Meetup, viva il m5s, viva Mascalucia.