Blog Image

filosofia&storia

Il dilemma del coccodrillo

filosofia Posted on Gio, Ottobre 04, 2018 15:47:31

Un coccodrillo aveva afferrato un bambino che stava giocando sulle rive del
Nilo.

La madre implorò il coccodrillo di restituirglielo.

“Certo” – disse il coccodrillo – “se sai dirmi in anticipo esattamente ciò
che farò, ti restituirò il piccolo; però, se non indovinerai, lo mangerò per
pranzo.”

“Oh” – disse la madre piangendo disperata – “tu divorerai il mio
bambino”.

L’astuto coccodrillo ribatté: “Non posso ridarti il bambino perché, se
te lo rendo, farò sì che tu abbia detto il falso, e ti avevo garantito che su
tu avessi detto il falso, lo avrei divorato”.

“Le cose stanno esattamente al contrario” – rispose astuta la madre – “Non
puoi mangiare il mio bambino perché, se lo divori, farai sì che io abbia detto
la verità e tu avevi promesso che, se io avessi detto la verità, avresti
restituito il bambino.”

Chi è il vincitore di questa discussione da un punto di vista logico?

Secondo la logica che cosa accadrà?

(tratto da Nicholas Falletta, Il libro dei paradossi, trad. it., Tea, Milano 2017)



Il paradosso del mentitore

filosofia Posted on Gio, Ottobre 04, 2018 15:17:36

“Uno
di loro, proprio un loro profeta, ha detto: «I Cretesi sono sempre
bugiardi, brutte bestie e fannulloni». Questa testimonianza è vera”. Lettera a Tito 1,12-13.

L’illustrazione è tratta da Guillaume Rouillé, Promptuarii Iconum Insigniorum, Lione 1553.



Tabula rasa

filosofia Posted on Gio, Ottobre 04, 2018 15:15:22

Per
gli stoici la conoscenza deriva interamente dai sensi. L’anima umana è
alla nascita una ‘tabula rasa’ sulla quale si registrano le
rappresentazioni sensibili.

Tabula rasa, 1958, del pittore catalano Antoni Tàpies (1923-2012) – Galleria Nazionale di Arte Moderna – Roma.



Sensazione, apprensione, comprensione catalettica, scienza secondo gli stoici

filosofia Posted on Gio, Ottobre 04, 2018 15:13:51

“Zenone traduceva questo in un gesto. Infatti quando mostrava la
palma della mano con le dita aperte, diceva: “Ecco la rappresentazione”.
Poi, con le dita un po’ piegate, diceva: “Ecco l’assenso”. Infine, col
pugno completamente chiuso, affermava che quella era la ‘comprensione’.
Ed è da questa similitudine che diede il nome ‘κατάληψιν’ ad una cosa
prima inesistente. In seguito avvicinava la mano sinistra, e con essa
stringendo nel dovuto modo e con forza il pugno, diceva che questa era la scienza, di cui nessuno, tranne il saggio, ha il pieno possesso”.

Cicerone, Academica 2.47.144

Le mani raffigurate sono quelle del grande scultore britannico Henry
Moore (1898-1986): The Artist’s Hand I, V, II, IV (1979, Tate Modern –
Londra).



Hortus conclusus. La tripartizione della filosofia secondo le scuole ellenistiche

filosofia Posted on Gio, Ottobre 04, 2018 15:07:18

Gli stoici paragonano l’intera filosofia ad un giardino recintato
(hortus conclusus) in cui il muro di cinta rappresenta la logica, che
delimita e difende il terreno della scienza, gli alberi simboleggiano la
fisica, la struttura fondamentale per comprendere il cosmo e i frutti
l’etica, ovvero il fine a cui tende l’intera conoscenza.

(L’immagine è un dipinto romano del I sec. a. C. dalla Villa di Livia,
oggi conservato nel Museo Nazionale Romano, Palazzo Massimo alle Terme –
Roma).